L’FBI si sta facendo coinvolgere nel recente hacking di Twitter da parte di BTC

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha annunciato l’avvio di un’indagine sul recente hackeraggio di Twitter che ha visto più di 130 account compromessi allo scopo di ottenere BTC da utenti ignari.

L’FBI sta prendendo il controllo delle cose

L’attacco è avvenuto mercoledì scorso e ha visto dirottati i conti dei social media di personaggi del calibro dell’ex presidente Barack Obama, dell’ex vicepresidente Joe Biden, di Bill Gates e di Elon Musk, tra gli altri. Gli aggressori hanno poi inviato messaggi ai loro seguaci dicendo loro di inviare bitcoin a indirizzi anonimi se erano interessati a far raddoppiare i loro soldi. In tutto, gli aggressori si sono portati a casa fino a 121.000 dollari in BTC.

Per la maggior parte, l’attacco non è stato così grave come avrebbe potuto essere. L’importo rubato è considerevolmente piccolo se confrontato con i cyberattack di alto livello che hanno serpeggiato nello spazio criptato negli ultimi anni. Eppure, è stato commesso un crimine importante, e ora sembra che le forze dell’ordine si stiano impegnando e stiano lavorando per svelare il mistero di quanto è accaduto.

In una dichiarazione, l’FBI ha menzionato:

I conti sembrano essere stati compromessi.

Finora, nessuna notizia, ma è ancora presto. Twitter ha notato per la prima volta che gli account erano stati dirottati con lo scopo di rubare fondi in valuta digitale all’inizio della settimana. La società ha inviato una serie di messaggi digitali che spiegano:

La nostra indagine è ancora in corso, ma ecco cosa sappiamo finora… Abbiamo rilevato quello che riteniamo essere un attacco coordinato di ingegneria sociale da parte di persone che hanno preso di mira con successo alcuni dei nostri dipendenti con accesso a sistemi e strumenti interni.

Twitter ha anche menzionato che gli hacker hanno infine ottenuto l’accesso agli account dei dipendenti e alle credenziali per controllare gli account di alto profilo in questione. In una dichiarazione separata, il gigante dei social media ha spiegato:

Sappiamo che [gli hacker] hanno usato questo accesso per prendere il controllo di molti account altamente visibili (anche verificati) e twittare per loro conto.

Uno dei primissimi account che è stato dirottato non apparteneva a qualcuno super famoso, ma è ancora un account relativamente noto e popolare. Apparteneva a un commerciante di criptovalute che si fa chiamare „Angelo BTC“.

Questo individuo vanta attualmente più di 100.000 seguaci separati. Questo suggerisce che gli hacker stessi sono membri dello spazio di crittografia e possono anche ricoprire ruoli di rilievo all’interno della comunità, anche se al momento della scrittura la loro identità non è stata rivelata.

Forse l’invio di denaro tramite i social media non è una buona idea

Una dichiarazione è arrivata anche dal National Cyber Security Center del Regno Unito. L’Agenzia ha spiegato:

Anche se questo sembra essere un attacco all’azienda piuttosto che ai singoli utenti, esortiamo le persone a trattare con estrema cautela le richieste di denaro o le informazioni sensibili sui social media.